Top
Numero segnalazione sinistri:
02.47.92.71.92
Chiama il numero verde:
800.81.81.00
Febbre nel cane: i sintomi e cosa fare
27 Dicembre, 2019

Sembrano invincibili come dei super eroi. E come loro difficilmente esprimono dolore e sofferenza. I cani sono creature stoiche, in grado di mascherare il loro stato di malessere e sopportarlo senza lamentarsi.

Eppure anche i nostri amici d’affezione sono colpiti da malattie più o meno gravi, che talvolta possono provocare in loro uno stato febbrile. La febbre nei cani è naturalmente il sintomo di una malattia virale o batterica o di un altro malanno in atto. In tal senso è fondamentale riconoscerne la sintomatologia per poter intervenire con le cure più adeguate.  

Come capire se il cane ha la febbre?  

Capire se il cane ha la febbre non è così semplice come negli esseri umani. Tuttavia con un po’ di accortezza, osservando il comportamento del nostro amato fido, è possibile capire se c’è qualcosa che non va e se il cane ha la febbre.

La temperatura del cane deve oscillare tra i 38 e i 38.8 gradi. Quando aumenta è perché sono in corso delle infezioni o delle malattie che vanno necessariamente indagate.

Quali sono quindi i sintomi che possono indurci a pensare che il cane abbia la febbre? 

  • Sintomi  

La sintomatologia che dovrebbe farci sospettare la presenza di uno stato febbrile è abbastanza caratteristica: da un punto di vista fisico, il cane presenta in genere un tartufo caldo e secco, gli occhi lucidi, acquosi e le orecchie calde. A livello comportamentale può manifestare tremori, dolori muscolari, letargia, inappetenza, difficoltà ad alzarsi dalla cuccia, vomito, diarrea e tosse.

  • Come misurare la febbre al cane 

La misurazione della febbre nel cane può essere un’operazione complicata, perché il termometro deve essere inserito nel retto e ciò naturalmente può irritare o far agitare il cane al punto da rendere non praticabile l’operazione.

Come misurare quindi la febbre al cane? In questa ottica è quindi consigliabile avvalersi di termometri digitali, con i quali in pochi secondi è possibile visualizzare la temperatura rilevata.

Cosa che naturalmente non accade per quelli a mercurio ai quali occorrono almeno due minuti di tempo. Di norma la temperatura corporea andrà misurata due volte al giorno o più a seconda delle indicazioni del veterinario. In alternativa è possibile optare anche per quelli auricolari, che non infastidiscono particolarmente l’animale.  

 Le cause più comuni di febbre nel cane

Le cause che possono provocare la febbre nel cane sono davvero molteplici. È tuttavia possibile individuare le più frequenti.  

  • Cause infettive

Tra le cause della febbre possiamo riscontrare quelle infettive batteriche: endocardite batterica, brucellosi, tubercolosi, malattia di Lyme, piometra, prostatite, disco spondilite, peritonite, piotorace, pielonefrite, artrite settica.

Ci sono le cause infettive da Rickettsia: ehrlichiosi, rickettsiosi; le cause infettive micotiche: istoplasmosi, blastomicosi e le cause infettive protozoarie: piroplasmosi (babesiosi), epatozoonosi, leishmaniosi.

  • A seguito di vaccinazione

La febbre nel cane può manifestarsi anche in seguito alla vaccinazione. Essa può insorgere alcune ore dopo la somministrazione del vaccino e durare per 24-36 ore. Si tratta di reazioni possibili, definite come di “tossicità normale” e non devono allarmare, in quanto il vaccino è pensato proprio per stimolare una risposta immunitaria.  

  • Tossine    

Anche il solo contatto con tossine può provocare la febbre: infatti l’ingestione di sostanze velenose come ad esempio medicinali per umani, alcolici, diserbanti o veleni può essere causa di infiammazioni.    

  • Malattie più serie  

Purtroppo fra le cause scatenanti la febbre possono esserci delle patologie piuttosto gravi e preoccupanti come una  sindrome paraneoplastica, leucemia, linfoma, istiocitosi maligna, mieloma multiplo. Vi sono tuttavia alcune situazioni in cui è veramente difficile individuare la causa dell’innalzamento della temperatura corporea.

Ciò accade quando si  parla “febbre di origine sconosciuta” o FUO. Quando non c’è una causa che spiega l’insorgenza di questo disturbo molto spesso sono presenti infezioni non diagnosticate, disturbi del sistema immunitario, o problemi al midollo osseo.

Ad ogni modo, se il cane ha la febbre da molti giorni e la situazione non migliora, è fondamentale recarsi dal proprio veterinario di fiducia. Per nessun motivo si dovranno somministrare in autonomia farmaci per uso umano, come l' aspirina o tachipirina.

Sarà  compito del veterinario di fiducia identificare le origini della febbre e prescrivere al cane eventuali antibiotici o altri farmaci specifici.        

News
Contattaci

Vuoi essere ricontattato telefonicamente?
Lasciaci il tuo numero di telefono e TI RICONTATTIAMO SUBITO