Top
Numero segnalazione sinistri:
02.47.92.71.92
Chiama il numero verde:
800.81.81.00
SECONDO LE ULTIME RICERCHE LA MAGGIOR PARTE DEI CANI SOFFRE DI ANSIA
17 Luglio, 2020
SECONDO LE ULTIME RICERCHE LA MAGGIOR PARTE DEI CANI SOFFRE DI ANSIA

Un disturbo d’ansia generalizzata è presente nel 29% dei cani 

Perlopiù si pensa che la vita di un nostro amico a 4 zampe sia davvero libera e spensierata, ma invece secondo una ricerca i nostri animali, come d’altronde spesso noi umani, hanno a che fare spesso con un senso vero e proprio senso d’ansia generalizzato.

Queste difficoltà esistenziali nel “essere un cane” sono state a attraverso uno studio condotto dall'Università di Helsinki in Finlandia, che ha scoperto con grande sorpresa, che la maggior parte degli animali mostra tratti ansiosi.

Secondo i ricercatori, che hanno studiato i comportamenti di oltre 13.000 cani da compagnia in Finlandia, il 72,5 per cento dei cuccioli mostra sintomi come una iper sensibilità al rumore, un senso di paura generalizzata ad esempio la paura di alcune superfici e dell’altezza, disattenzione e impulsività, compulsione, comportamento inadeguato correlato alla separazione, o addirittura aggressività.

Per capire perché e come i cani provano ansia, i ricercatori hanno chiesto ai proprietari di animali domestici di compilare un questionario online.

Dopo aver analizzato le 13.715 risposte dei proprietari di 264 razze canine, tra cui Bernese Mountain Dog, Labrador Retriever, Spanish Water Dog, Border Collie, i ricercatori hanno scoperto che il comportamento legato all'ansia più comune era la sensibilità al rumore, con il 32% dei cani che mostravano questo sintomo.

Secondo lo studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports , i fuochi d'artificio con le esplosioni sono spesso il fattore scatenante del comportamento, che causano paura nel 26% dei cani.

Questo senso di paura generale è anche comune tra i cani da compagnia, con una percentuale 29%, mentre "In particolare, il 17% dei cani ha mostrato paura degli altri cani, il 15% ha paura degli estranei e l'11% ha timore di tutte le nuove situazioni che si vengono a creare", hanno pubblicato i ricercatori nello studio effettuato.

Il comportamento e l'aggressività correlati alla separazione sono risultati essere i tratti meno comuni, con prevalenze rispettivamente del 5% e 14%.

Secondo i ricercatori, il genere ha avuto un leggero impatto sull'ansia, con i cani maschi che si sono rivelati più spesso aggressivi e iperattivi / impulsivi, mentre le femmine erano più spesso paurose.

Anche l'età ha avuto un ruolo nei risultati, con prevalenza della sensibilità al rumore e la paura delle altezze che aumentano quando i cani invecchiano.

La razza influisce anche sui tratti d'ansia, infatti secondo lo studio, i Spanish Water Dogs, i cani pastore delle Shetland e i cani di razza mista sono i cani che mostrano più tratti con timori diffusi, mentre la paura delle altezze era più comune nei cani collie e nei meticci.

Dai risultati, secondo Medical News Today , i ricercatori hanno ipotizzato che il codice genetico svolga un ruolo importante nella predisposizione ai diversi tipi di ansia.

"Il comportamento ha un'importante componente genetica", hanno scritto i ricercatori, aggiungendo che "alcune aree e loci genetici sono associati a comportamenti problematici, tra cui compulsione, paura e sensibilità al rumore".

Per ridurre le ansie, che possono compromettere il benessere, i ricercatori suggeriscono che una soluzione potrebbe essere la selezione di animali non ansiosi per la riproduzione - mentre un cambiamento dello stile di vita nell'ambiente che li circonda potrebbe aiutare gli animali domestici che vivono attualmente con uno stato di ansia.

www.dottorbauedottormiao.it

News
Contattaci

Vuoi essere ricontattato telefonicamente?
Lasciaci il tuo numero di telefono e TI RICONTATTIAMO SUBITO